Questi sono i miei princìpi e se non ti piacciono, ne ho altri

La mia passione per i computer risale al lontano 1990, quando papà mi regalò il primo calcolatore: un Sinclair ZX Spectrum II, col quale iniziai a programmare in Basic. Avevo 6 anni.

Vivo a L’Aquila, dove ho studiato informatica all’ITIS e nella facoltà di Ingegneria.

Ho lavorato con Telecom Italia Business come responsabile tecnico e marketing di un call center. Era il 2009.

Tra le due convention aziendali a cui ho partecipato, a Parigi nel 2011 e a Madrid nel 2012, è iniziata la mia prima esperienza manageriale, avevo 28 anni.

Ho vissuto a Pescara e a Roma, affiancando agenzie in fase di startup e collaborato con Wind Telecomunicazioni, per la quale ho avviato un’agenzia business nella Capitale.

Nel 2013 ho completato il percorso formativo “Business Driver”, durato 3 anni e svolto dalla società milanese Logotel.

Nel 2016 – a 32 anni – ho deciso di diventare freelance.

Sono digital manager di realtà locali di qualità e coerenti coi miei valori, formatore presso il CNOS-FAP dell’Aquila e l’Auser, un’associazione per l’invecchiamento attivo, e sviluppatore orientato al web.

Mission

"Ti aiuto a realizzare il tuo sogno nel cassetto grazie all'uso consapevole del digitale."

Vision

"Alimento una Rete che promuova unicità e conoscenza, in antitesi ad omologazione e ignoranza."

Sono tesserato con la Federazione Italiana Rugby come arbitro. Nel rugby “andare in meta” significa raggiungere un obiettivo, superando le relative difficoltà. “Buttarsi nella mischia” significa far parte di un gruppo, in questo è fondamentale la consapevolezza personale e la fiducia nel sostegno dei compagni.

Amo le escursioni sul Gran Sasso, leggere, il vino e la buona musica.